Gita e visita Arte Sella

5 ottobre 2014

PASSEGGIATA NELLA NATURA – VISITA AD ARTESELLA

ARTE E NATURA TUTTI I GIORNI DELL’ANNO
(http://www.artesella.it/percorsi_malga.html)

 Un gruppo di associati alla Banca del Tempo Villaggio Prealpino ha partecipato alla gita autunnale in Valsugana. A una manciata di chilometri da Borgo Valsugana, in Val Sella (quota 1000 metri), si trova Malga Costa, tipica malga montana oggi trasformata in Centro culturale sede dell’associazione Artesella, in un luogo dove la natura si trasforma in arte: un’immensa esposizione a cielo aperto di vere e proprie opere d’arte realizzate con sassi, foglie, rami e tronchi da artisti che colgono dalla natura stessa materiali e ispirazione.

E’ dal 1986 che 3 amici di Borgo Valsugana decisero di riunire le loro idee e il loro amore per l’arte e la natura creando ArteSella: Malga Costa diventa una sorta di comunità artistica, luogo di incontro per artisti con storie e sensibilità differenti . A partire dal 1996 il progetto ArteSella si sviluppa lungo un sentiero forestale sul versante meridionale del monte Armentera. Si definisce così il percorso ARTENATURA, itinerario nel quale il visitatore può ammirare le opere create con materiale naturale e godere nello stesso tempo delle particolarità ambientali, come la varietà del bosco, la presenza di pietre caratteristiche e di alberi monumentali.

Le opere sono collocate in due diversi percorsi espositivi: l’itinerario ARTENATURA lungo circa 3 chilometri percorribili su strada in 2 ore e l’itinerario Malga Costa e Cattedrale vegetale (circa 1 Km in 45 minuti) che si snoda nel bosco “incontrando” più di 30 installazioni , identificabili con nomi particolari oltre a quello dell’autore: sono invece indescrivibili le sensazioni ed emozioni che ogni visitatore prova osservandole! La Cattedrale vegetale è stata ideata nel 2002 da Giuliano Mauri ed è ubicata nei pressi di Malga Costa. Ha le dimensioni di una vera cattedrale gotica composta da tre navate formate da 80 colonne di rami intrecciati, alte 12 metri e di circa 1 metro di diametro contenenti piante di carpino. Per il completamento dell’opera si prevede un tempo di almeno 20 anni.

Tutte le opere vengono realizzate in loco e rimangono inserite nel ciclo vitale della natura; nel bosco subiscono il succedersi delle stagioni fino ad essere trasformate ed assorbite dall’ambiente circostante. Agli occhi del visitatore attento le installazioni sembrano così tutt’altro che statiche ma animate dallo spirito dinamico della natura stessa. Nel corso degli anni e al variare delle stagioni il tempo può modificare o cancellarle : in inverno la neve aggiunge la sua magia bianca e silenziosa ; in primavera la natura si risveglia e rivive tra le opere; in estate gli artisti sono al lavoro nella natura e il percorso si arricchisce delle loro nuove creazioni; in autunno i colori della natura si infiammano lungo il percorso ArteNatura.

Alcuni partecipanti alla gita hanno cercato di catturare i primi colori dell’autunno nelle immagini fotografiche di varie opere ; dalle stesse immagini è possibile riconoscere le diverse dimensioni di alcuni dei numerosi allestimenti artistici ammirati. La giornata si è conclusa con una breve visita a BorgoValsugana e una piacevole passeggiata sul “LungoBrenta”, con i caratteristici portici e l’antico Ponte Veneziano.

Maria Spini